giovedì 12 settembre 2019

Bilanciamento del bianco in fotografia

Introduzione


Quando inizi a fare fotografie uno degli aspetti di cui devi tenere conto per ottenere un buon risultato finale è il bilanciamento del bianco o white balance in inglese (WB).

Sei hai già scattato delle fotografie ti sarà capitato di vedere che a volte i colori risultano innaturali se confrontati con quelli della scena ripresa.

A volte prevalgono dei colori blu o dei colori arancioni molto diversi a quelli che avevi visto quando hai scattato la foto.

E' un vero peccato buttare una foto per delle impostazioni sbagliate.

Seguendo i miei consigli potrai impostare correttamente la tua fotocamera per ogni condizione di luce.

Ma andiamo con ordine e vediamo le cose dall'inizio.

La temperatura della luce


Per iniziare devi sapere che ciascun tipo differente di luce ha una temperatura diversa.

Senza addentrarci in cose troppo complicate possiamo dire che se si scalda un corpo al cambiare della temperatura assume un colore diverso.

La scala dei colori al cambiare della temperatura è rappresentata bene da questa immagine:


Bilanciamento del Bianco

La temperatura può essere misurata in molti modi.

Noi in Italia usiamo i gradi Celsius o Centigradi, nei paesi anglosassoni si usano i gradi Fahrenheit.

C’è un’altra scala di temperatura che si chiama Kelvin ed è questa che di norma si usa in fotografia.

In questa scala ad ogni tipologia di luce diversa corrisponde un diverso numero Kelvin.

Non si parla in questo caso di gradi essendo una scala assoluta.

Infatti lo zero nella scala Kelvin è proprio lo zero assoluto.

Vediamo qualche esempio di temperatura:
  • Luce di una candela: 2000 Kelvin
  • Lampada alogena: 3000 Kelvin
  • Luce del sole con cielo sereno: 8000 Kelvin
A valori più bassi della temperatura della luce corrispondono colori più caldi.

Viceversa quando la temperatura è più alta il colori diventano più freddi tendenti al blu.

Proprio come nell'immagine sopra.

Inoltre le sorgenti luminose hanno diverse dominanti di colore: 
  • la luce al neon tende al verde
  • una luce alogena tende ad un blu metallico

Qual è lo scopo del bilanciamento del bianco in fotografia?


Come hai intuito la fonte di luce che illumina la scena influisce sulla percezione dei colori.

In qualche modo li modifica, li altera.

Bilanciamento del Bianco in Fotografia


Il nostro occhio deve ricorrere all'aiuto del cervello per capire di che colore è veramente un oggetto.

La macchina fotografica invece non è in grado di farlo da sola.

Puoi affidarti a degli automatismi (AWB).

Ma a volte questi non funzionano bene, soprattutto in particolari condizioni.

In questi casi è meglio intervenire manualmente e dobbiamo quindi imparare come farlo, se vogliamo ottenere sempre una bella foto.

Questo è proprio il processo che va sotto il nome di bilanciamento del bianco.

Il bilanciamento del bianco in fotografia serve per riequilibrare anche tutti gli altri colori presenti nella scena. Non solo il bianco. Infatti su wikipedia viene chiamato bilanciamento del colore.

Come impostare la fotocamera


Sulla tua macchina fotografica nel menu dedicato (WB) ci sono diversi preset.

A seconda del tipo di luce presente quando fotografi puoi scegliere tra questi:

  • Automatico
  • Cielo sereno
  • Cielo nuvoloso
  • Lampada alogena
  • Lampada al neon
Alcuni preset sono legati proprio al tipo di luce.

Oltre a questi di solito ce ne sono poi tre particolari:
  • AWB (Automatic White Balance): esegue il bilanciamento del bianco in maniera automatica
  • Kelvin: in questa modalità puoi inserire manualmente il valore in Kelvin della temperatura
  • Custom: in questo caso infine possiamo dire noi alla macchina qual è il colore bianco o neutro scattando una foto ad un foglio bianco.

Bilanciamento del Bianco Custom


Con questa impostazione del White Balance puoi personalizzare tu il bilanciamento del bianco.

Questo metodo è piuttosto semplice da eseguire e può essere utile in circostanze particolari di illuminazione.

Ad esempio quando la scena che vogliamo fotografare è illuminata da luci diverse:
  • la luce naturale entra dalla finestra
  • c’è anche una lampada a incandescenza.
Capisci bene che in questo caso la risultante delle due luci sarà qualcosa di particolare.

Lo dobbiamo allora gestire in un modo diverso.

Segui questi semplici passi:
  • Posiziona sulla scena un normalissimo foglio di carta bianca A4.
  • Puoi prenderne uno dalla stampante di casa.
  • Metti il foglio vicino all’oggetto che vuoi fotografare.
  • Deve essere illuminato dalla luce che vuoi compensare
  • Fai una foto al foglio
  • Nel menu della tua fotocamera scegli il bilanciamento del bianco custom.
  • Scegli la foto del foglio A4 come riferimento.
A questo punto puoi scattare la foto al tuo soggetto e il bilanciamento della fotografia sarà corretto.

Bilanciare il bianco in post produzione


Io ti consiglio di scattare sempre con un bilanciamento del bianco corretto in macchina.

Se sei indeciso scegli il bilanciamento automatico (AWB).

Devi sapere che è possibile intervenire sul bilanciamento del bianco anche in una fase di post produzione.

In questo caso è preferibile avere scattato la fotografia in formato RAW.

E’ possibile farlo anche con il formato JPG, ma in questo caso il rischio è di degradare la qualità del file finale.

Se vuoi evitare di degradare la qualità del risultato finale allora è meglio che scatti in formato RAW.

Io consiglio sempre di scattare sia in formato RAW che JPG.

Nella guida che ho scritto spiego anche in dettaglio perché.

Se vuoi la puoi scaricare da qui iscrivendoti alla newsletter.

Uso creativo del bilanciamento del bianco


Come hai visto una impostazione sbagliata del bilanciamento del bianco ha un notevole effetto sui colori della tua foto.

Se vuoi puoi usare intenzionalmente un bilanciamento del bianco sbagliato in maniera creativa per enfatizzare certi colori o dare una impressione diversa ad una foto.

Divertiti a sperimentare questa possibilità: la creatività è uno degli aspetti più belli della fotografia.

Conclusione


Per concludere come hai visto non è così complicato gestire in maniera corretta il bilanciamento del bianco.

Fammi sapere nei commenti se tu hai qualche metodo diverso per il bilanciamento del bianco e non dimenticare di iscriverti alla newsletter per rimanere sempre aggiornato.

Nessun commento:

Posta un commento